Torna alla home...
 

contributi

laboratorio

non toxic zone

artisti

news

links
 
Glossario della stampa d'arte



Collabora con noi

Aggiungi Printshow.it ai tuoi preferiti


 
   
 
 
   
 
Termini che iniziano per'l'
 
 
 
Lambda:
 
Stampante digitale che utilizza tre laser (RGB) per stampare immagini digitalizzate su carta fotografica tradizionale, lucida o mat, Duraflex su supporti in PVC, Duratrans per fotografie trasparenti da retroilluminazione. Ben differente dalle normali stampati a getto d'inchiostro utilizzate normalmente con i computer, in quanto offre una elevata qualità in termini di risoluzione, resa dei colori e brillantezza.
 
 
 
Laser Print:
 
Questo tipo di stampa si basa sullo stesso principio delle fotocopiatrici: un laser disegna l'immagine della pagina desiderata su un tamburo fotosensibile posto dietro il foglio di carta, caricandolo elettrostaticamente. A questo punto il toner rilascia una polvere di inchiostro che va a fissarsi proprio nelle zone caricate elettricamente.
 
 
 
Lastra o Matrice:
 
Supporto di pietra, metallo o legno inciso con tecniche varie, usato ai fini della stampa.
 
 
 
Lavis:
 
Tecnica di incisione. Si lavora sulla lastra con un pennello, meglio se in fibra di vetro, imbevuto di acido. L’aspetto nella stampa è simile a quello dell’acquerello.
 
 
 
Legno di filo:
 
Tavoletta di legno tagliata nel verso della fibra.
 
 
 
Legno di testa:
 
Tavoletta di legno tagliata in senso verticale alle fibre del legno.
 
 
 
Linoleografia:
 
Stampa realizzata da una matrice di linoleum.
 
 
 
Linoleum:
 
Prodotto derivato dall'impasto di sughero, legno, caucciù e olio di lino con il quale viene rivestita una tela di juta. Per inciderlo si usano sgorbie la cui grandezza varia a seconda di quello che si vuole ottenere Può essere utile anche un coltellino da intaglio.
 
 
 
Litografia:
 
Tecnica di stampa in piano inventata da Aloys Senefelder nel 1797. L’immagine, realizzata con matite grasse o inchiostro, su pietra o lastra di zinco granita, viene trattata con gomma arabica e acido. L’inchiostro, disteso con rullo, attaccherà solo nelle aree grasse del disegno, mentre sarà respinto dalle restanti zone, che, grazie alla preparazione fatta trattengono l’acqua.